sabato 26 aprile 2014

Gli inediti digitali di A.Warhol





"...Andy era l'arte, dovrebbe fare una mostra con le pareti nude"
The Doors di Oliver Stone (1991)


Non esiste una definizione assoluta di Arte che sia in grado d'individuare un preciso insieme di opere artistiche nella sterminata quantità delle creazioni umane. Molti fattori intervengono nel riconoscere un'opera come arte, oppure no, e taluni di essi dipendono dal periodo storico e dall'evoluzione degli stessi strumenti più o meno concepiti a creare arte.
Sappiamo benissimo che il computer nacque unicamente allo scopo di eseguire un'enorme quantità di calcoli numerici, e solo dopo molti anni l'evoluzione informatica ha portato l'impiego di monitor prima monocromatici e poi a colori. In questo passaggio l'antico concetto di grafica si arricchì immediatamente di opere interamente digitali. Da quel momento in tantissimi furono in grado di produrre immagini artistiche non fisiche, divulgabili tramite supporti magnetici di memorizzazione, quindi visibili con l'ausilio di monitor/tv.
Non più l'utilizzo di tele da pittura o mura per gli affreschi, non più impasti di colori e vernici, ma soltanto pixel e colori intesi come punti di uno spazio colore, individuabili tramite una terna di numeri RGB in una palette la cui profondità viene espressa in bit.  (8 bit = 2 all'ottava potenza = 256 colori).

Ecco alcuni strumenti grafici moderni:





Quando le opere di un artista diventano rilevanti per la stessa storia dell'arte, possono accadere degli eventi sensazionali quali il ritrovamento di tele originali o addirittura interi affreschi. Per la prima volta ciò è accaduto a delle opere digitali, così consacrate quali opere d'arte a tutti gli effetti. 
Andy Warhol  (1928 - 1987) negli ultimi anni della sua vita fu il testimonial della Commodore per lanciare il modello A1000, quale primo esempio di computer orientato alla produzione artistica digitale dal prezzo abbordabile; possiamo dunque immaginare che qualche lampadina si accese nella mente di questo artista, uno dei più influenti del XX secolo. 
Alcuni dischetti contenenti il sofware originale e le immagini prodotte dall'artista, con tutte le cautele del caso sono state date in pasto all'emulatore amiga winuae per creare delle copie digitali degli stessi. La parte più complicata si è rilevata la conversione delle immagini da un formato proprietario arcaico a delle comuni png divulgate infine sul web (qui l'intera procedura). 

Fisicamente quei dischetti non hanno alcun valore aggiunto (a parte ovviamente per un museo o per dei collezionisti) rispetto ai file delle immagini, ciò proprio per la natura stessa dell'informazione digitale, replicabile interamente senza perdita.

{}

{}

{}


In questa immagine vediamo l'attrezzatura marchiata Commodore a disposizione dell'artista.


{}

La notizia ha fatto il giro del mondo in poche ore



1 commento: