venerdì 21 ottobre 2016

[Libro - eBook] 64K RAM - 64 kilobytes che sconvolsero l'informatica

"Un Libro immancabile!" - Win Magazine (n°219)
"Il modo migliore per rivivere gli anni del C=64" - Idea Web (n°181)
"Un volume da possedere nella propria biblioteca" - Jurassic News (n°58)




Commodore Computer Blog è orgoglioso di presentare 64K RAM Nuova Edizione (2016). Un'opera illustrata a colori che omaggia il più importante computer mai prodotto: 
il Commodore 64

Le esclusive immagini contenute in "64K Ram" raccontano gli oltre trent'anni di storia del commodore 64; un computer capace di far entrare l'informatica nelle case di milioni di persone e divenuto oggi il cuore dell'intera scena dedicata al retrocomputing. Grazie a una raffinata elaborazione grafica tridimensionale rivedrete il leggendario C=64 come se questi trent'anni non fossero mai trascorsi: le origini, il software, i videogiochi; un compendio illustrato del vostro indimenticabile compagno d'infanzia nonché formidabile macchina da gioco e indispensabile strumento di lavoro

Acquista il cartaceo su lulu.com in piena sicurezza con paypal e carte prepagate (si consiglia di controllare l'eventuale presenza di sconti e promozioni sulla pagina facebook di lulu)

Pagine 120
Rilegatura Copertina morbida con rilegatura termica
Inchiostro contenuto A colori
Peso 0,53 kg 
Dimensioni (centimetri) Larghezza: 20,98, altezza: 29,69 (A4)
Prezzo: 25€

Acquista l'eBook (pdf) su lulu.com in piena sicurezza con paypal e carte prepagate

Pagine 124
Formato del file PDF (150 DPI)
Dimensioni del file 61.55 MB
Prezzo: 7€









qualità stampa


qualità stampa

eBook


Confronto tra le edizioni







Free Wallpaper (Full HD)

venerdì 16 settembre 2016

Mal di Marchio per la CBM smartphone

il marchio non registrato della CBM apposto su un device (dx) pressoché identico a quelli venduti da altri brand (sx) a prezzo minore
(fonte: appdated)


il giorno 15/09/2016 l'EUIPO (Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale incaricato di gestire i marchi e disegni e modelli comunitari registrati) ha respinto la domanda di registrazione del marchio C=Commodore presentata dalla CBM smartphone nell'aprile dell'anno scorso, accogliendo così l'opposizione presentata dalla Commodore Holdings BV



L'opposizione è stata accolta in pieno e pertanto la domanda respinta nella sua interezza. La decisione è dovuta all'estrema somiglianza del logo presentato dalla CBM con quello storico della C=Commodore che nel corso degli anni è finito in mano all'entità giuridica olandese C=Holdings, come d'altronde dimostra la ricca documentazione presentata dai loro legali (scaricabile con una semplice registrazione gratuita al sito EUIPO).

notare la piccola variazione della C di commodore, qui decentrata e simmetrica, rispetto al logo originale


Proprio in questi giorni la CBM sembra essere intenzionata a lanciare un nuovo smartphone (LEO) continuando il loro reboot non ufficiale del marchio C= nell'ambito della telefonia mobile. La decisione della EUIPO è impugnabile, ma c'è da dire che l'azienda CBM che ha presentato la domanda nel 2015 risulta Dissolved dal 23 Agosto, mentre il primo settembre è stata presentata una nuova domanda di registrazione al EUIPO (con lo stesso logo appena respinto) attualmente in fase di analisi.  

Aggiornamento:

Ricevo e pubblico la risposta del CEO della CBM in merito alla notizia data in questo post:

In riferimento al suo articolo "Mal di marchio per la CBM smartphone", vogliamo rassicurare Lei e tutti i suoi lettori che Commodore Business Machines non soffre di alcun mal di marchio. L'accoglimento dell'opposizione di C= Holdings BV da parte dell'EUIPO è parte dei normali procedimenti relativi alle dispute sui marchi, non ha alcun valore legale (è soltanto un database, non un'aula di tribunale) e prevede una serie di appelli e di contraddittori opposizioni etc. che possono durare anche diversi anni. Commodore Business Machine è tuttora presente in UK (dove ha riorganizzato l'azienda), ha recentemente aperto una Srl in Italia e progetta di espandersi anche negli Stati Uniti. Dispone di più marchi figurativi, con elementi verbali e non, con cui è LEGALMENTE autorizzata a produrre e commercializzare il suoi prodotti. Commodore Business Machines è l'unico produttore al mondo a marchio C= presente nei registri IMEI, inoltre è stata categorizzata marchio ufficiale anche da Amazon (solo per citarne un esempio) e ha ottenuto codici UPC ed EAN. La nostra Società si riserva dunque la facoltà di difendersi, sui media e nelle aule preposte, da qualunque atto che possa ledere la sua onorabilità o mettere a rischio gli impegni presi con il pubblico e i suoi investitori.
Cordiali saluti
Massimo Canigiani CEO CBM

Aggiornamento (16/12/2016)

La domanda di registrazione del marchio C=Commodore da parte della CBM Smartphone è stata definitivamente rifiutata





venerdì 2 settembre 2016

Di Commodore in Commodore (Individual Computers)

Individual Computers (azienda tedesca specializzata nella produzione di accessori e schede di espansione per gli originali Commodore 64 e Commodore Amiga) ha comunicato di aver acquistato un originale stampo utilizzato dalla grande C= nella produzione del C64c, più la licenza di applicare alle nuove scocche il nome Commodore 64 completo del mitico logo C=



Fermi tutti! Quando si parla di marchio C= è necessario indossare l'elmetto e scavare una trincea perché in genere le cose tendono a complicarsi molto in fretta. Infatti pare che a concedere la licenza alla I.C. sia stata una certa Polabe Holding NV (sede in Lussemburgo) che a sua volta avrebbe acquistato il marchio C= dalla Commodore Holdings BV, la quale a questo punto dovrebbe secondo logica uscire definitivamente di scena. Sul web non esistono notizie riguardanti un passaggio di mano del marchio C= né informazioni sulla società acquirente e per tanto non ci resta che credere a Jens Schönfeld, manager della Individual Computers (persona molto stimata dalla scena del retrocomputing) che ha dato la notizia sul sito dell'azienda. La sola cosa attualmente certa sul marchio C=Commodore è che esso possiede un’unica registrazione attiva sul database
WIPO risalente al 2013 e attribuita proprio alla C=Holdings, mentre tutte le altre risultano scadute oppure in attesa di responso, esattamente come la domanda di registrazione presentata dalla italo-inglese CBM e da oltre un anno bloccata a causa della procedura di contestazione aperta neanche a dirlo dalla C=Holdings. 



Ci tengo a sottolineare che quanto appena scritto riguarda la parte pubblicamente visibile concernente il marchio e per tanto potrebbe trattarsi solo della punta di un complesso iceberg fatto di accordi e movimenti che si susseguono ormai da decenni. Nessuno è in grado di affermare chi tra i contendenti (ammesso che lo siano) abbia ragione o meno. Ai posteri ed eventualmente ai giudici l'ardua sentenza... 
Individual Computers intende inoltre riprendere a produrre le schede madri 
C64 Reloaded, divenendo così la prima azienda dopo la chiusura di commodore a vendere dei C64 nuovi di zecca (esclusi probabilmente i chip custom che saranno ricondizionati dall’usato) con tanto di loghi e marchi ufficiali, il tutto a un costo che quasi certamente potrà interessare solo una ristretta nicchia di appassionati, dato che la maggior parte dei nostalgici ricorrono oggi all’emulazione gratuita o a dei C64 usati che si trovano ancora a prezzi piuttosto bassi; senza dimenticare progetti non ufficiali come il The64.


giovedì 14 aprile 2016

THE 64 - Il nuovo commodore 64.



Il sito C64.com ha presentato un'interessantissima campagna crowdfunding per la realizzazione di due nuove incarnazioni dello storico C64:

THE 64 (desktop) 150$



THE 64 sx (handled) 175$



Il team responsabile del progetto include ingegneri e tecnici informatici in passato già coinvolti nella produzione del C64DTV. L'operazione al momento non sembra godere del marchio ufficiale Commodore, ma tutte le rom del c64 e dei suoi giochi saranno legalmente inserite nel THE 64 (l'utente sarà ovviamente libero di caricare tutte le rom che desidera). Nel caso di successo della campagna (ma anche in caso contrario trattandosi di un flexible goal), le spedizioni inizieranno verso la fine del 2016.




Aggiornamenti:

Specifiche tecniche

  • Accurate recreation of the classic Commodore 64.
  • HDMI video and audio output.
  • We are considering composite video in addition to HDMI, for use on classic televisions.
  • Multiple SIDs for stereo sound (6581 or 8580)
  • New high-capacity (512MB+) writable cartridge support, with an adapter interface available later to provide classic cartridge compatibility.
  • Support for current storage media (for example SD cards), with emulation of the 1541.
  • Multiple joystick support for multi-player games.
  • Support for many of the popular emulator game file formats.
  • Firmware upgradable to support additional features and machines in the future (DTV64 features, etc.)
  • Hopefully the possibility to connect original peripherals, or via adaptors.
Non si tratterebbe di una scheda fpga, ma di emulazione su SoC Arm Cortex,

Possibile design del package e del joystick






martedì 29 dicembre 2015

Codice sorgente Amiga OS 3.1



Da circa 24 ore, circola la notizia della pubblicazione non autorizzata del "sacro" codice di amiga os (kickstart + Workbench) sfruttato ancora oggi da aziende come amiga inc ed hyperion, per il mantenimento di una religione informatica focalizzata proprio intorno a tale reliquia, ora accessibile a chiunque. Ecco dunque il codice (rimosso) di amigaos su GitHub, da ritenersi ormai di esclusivo interesse storico in quanto pressoché incompilabile.


sabato 15 agosto 2015

Commodore Business Machines Vs Commodore Holdings B.V.



Aggiornamenti nei commenti


Qualche giorno fa la rediviva C=Holdings B.V ha pubblicato un comunicato stampa, nel quale tale astratta entità giuridica rivendica la proprietà del marchio commodore e i diritti sullo sfruttamento dello stesso. Come già saprete, di recente la C.B.M con sede a Londra ha lanciato il suo primo smartphone C= dopo aver presentato regolare domanda di registrazione del marchio, limitatamente a ciò che riguarda la produzione e la commercializzazione di tali dispositivi. Esattamente allo scadere del periodo previsto per l'eventuale opposizione di terzi è arrivata la doccia fredda (o tiepida, dipende dai punti di vista) con l'opposizione della C=Holdings B.V. rappresentata legalmente dall'olandese knijff specializzata in materia di tutela dei marchi. 

La C.B.M ha immediatamente replicato con il seguente comunicato:

COMMODORE BUSINESS MACHINES LTD
COMUNICATO STAMPA #1 - 14 Agosto 2015
Lo scorso 12 Agosto l'UAMI (OHIM), Ufficio per l'armonizzazione del mercato interno europeo, ci ha informati di aver ricevuto una richiesta di opposizione per il nostro marchio, regolarmente registrato nel mese di maggio 2015 con il numero 013930276. In attesa dei necessari chiarimenti da parte degli organi competenti, Commodore Business Machines LTD intende ribadire di non essere in nessuna maniera affiliata o correlata a C=Holdings BV, e confermare di essere l'unica azienda titolare del marchio figurativo Commodore, in via del tutto esclusiva, nel suo settore di competenza (smartphone).
Commodore Business Machines LTD intende dunque rassicurare i suoi clienti, i suoi partner, gli organi di informazione e tutti i simpatizzanti, sulla regolare prosecuzione delle attività in corso, che non subiranno variazioni di alcun genere a causa dell'accaduto.
Massimo Canigiani
CBM CEO
C=Holdings è ora chiamata a provare di aver utilizzato in questi anni il marchio Commodore e di averlo registrato per quelle classi, che insieme compongono ciò che oggi conosciamo come smartphone (l'ultima loro registrazione risale infatti al 2006). Sapendo già che tale marchio non è stato utilizzato in alcun contesto industriale e commerciale, C=Holdings dovrà giocoforza fornire delle spiegazioni sugli eventuali legittimi impedimenti e quindi attendere la decisione finale dell'ufficio marchi e brevetti che ha in deposito la domanda di registrazione della neonata C.B.M, la quale al contempo cercherà di far valere le proprie ragioni. 

Difficile prevedere l'esito dell'opposizione e dei possibili ulteriori ricorsi: la C.B.M. sta dimostrando di essere un'azienda reale in un vero mercato (che può piacere oppure no), mentre l'eterea C=Holding B.V. è unicamente nota per la sua capacità di districarsi nelle spinose e complesse controversie legali relative al marchio C=, come prova una sentenza in loro favore del dicembre del 2013.

Segnalo quest'articolo di repubblica.it che ritengo essere il migliore e più chiaro tra tutti quelli finora pubblicati sull'argomento. Un articolo che giunge alla stessa conclusione data da CCB: "difficile prevedere gli esiti della vicenda." Il giornalista evidenzia la posizione al limite della nuova CBM tra la possibilità di strappare il marchio a costo zero (in modo assolutamente legale) per la commercializzazione di C=Fonini, e quella di soccombere all'azione della C=Holding pagando infine un prezzo piuttosto alto. 

domenica 7 giugno 2015

Commodore Fan Gazette n°5

Finalmente è fuori il nuovo numero di CFG, una vera Black Edition dedicata all'ultimo ninja della System3; storica saga che ha regnato i cosiddetti arcade-adventure (antesignani delle attuali avventure in terza persona) esibendo una grafica isometrica 3D per l'epoca molto coinvolgente e spettacolare. 
Tra i diversi contenuti della rivista spicca la notizia del ritorno sul mercato del marchio Commodore che in questa nuova incarnazione andrà a collocarsi su un moderno smartphone dal nome PET le cui caratteristiche tecniche ed estetiche sono ora ufficiali e riportare per intero nella fanzine. 




sabato 14 febbraio 2015

Hyperion Entertainment (OS4) dichiarata fallita

Aggiornamento (Aprile 2015): Il ricorso sembrerebbe essere stato accolto e dunque l'azienda Hyperion resterà in affari. Tuttavia questa situazione ha contribuito a far emergere le reali "dimensioni" della software house in oggetto, ben esposte da un appassionato che da anni segue nel dettaglio la scena Amiga Os e derivati (discussione completa). 
Estratto:

Si tratta di un'azienda con nessun dipendente, un unico direttore (che pero' per mangiare lavora come avvocato presso uno studio legale altro da Hyperion e nemmeno ha il tempo per guardare la posta dell'azienda, cosi' gliela dichiarano in bancarotta a sua insaputa...), che fattura meno di 15000 Euro l'anno, visto che da qualche anno essendo sotto la soglia minima per l'obbligatorieta' della presentazione di dichiarazione dei redditi ha fatto domanda al ministero competente in Belgio per essere esentato dalla presentazione stessa.
- il direttore di Hyperion e' Ben Hermans. E' un legale specializzato in violazioni di IP e lo studio per cui lavora lo si puo' facilmente leggere su LinkedIn, dove anche risulta direttore di Hyperion.
- dal 29/1/2014 Hyperion e' passata a "Competence/allowance stopped" per quanto riguarda i versamenti IVA. Da novembre 2013 la soglia per non versare l'IVA in Belgio e' 15000 Euro. Maggiori informazioni qui: link  (o richiedere un report/visura  per 60 Eur o a http://reports.b-information.be  ).
- nessuno dei programmatori di AmigaOS 4 e' dipendente di Hyperion. Sono tutti collaboratori esterni. Sempre controllando LinkedIn i Frieden si definiscono "indipendenti" e non lavorano per un'azienda. Sotto i 15000 Euro/anno di fatturato e' pure difficile avere una segretaria. Ben Yoris ha lasciato la societa' nel 1999/2000, Evert Carton nel 2011, Timothy de Groote l'ho incontrato personalmente nel 2010 e all'epoca mi disse che era rimasto solamente betatester.


La software house che cura lo sviluppo di AmigaOS giunto alla release 4.1 è stata dichiarata fallita dal tribunale di Bruxelles (dettagli). Ricordo che Hyperion possiede alcune originali proprietà intellettuali della Commodore come il codice del sistema operativo Workbench (che dopo la release 3.1 è divenuto AmigaOS) fino alla versione 3.9; sistema operativo che ormai da molti anni è stato adattato per piattaforme informatiche estranee ad Amiga e dotate di cpu PowerPC (alcune prodotte e vendute da Aeon e Acube).



Hyperion avendo presentato ricorso ha fatto sapere che ciò non significa l'interruzione della loro esistenza, né dello sviluppo del sistema operativo; tuttavia diversi interrogativi sono emersi nella scena e vengono discussi nei forum dedicati.



sabato 31 gennaio 2015

Nuovi smartphone Commodore in arrivo?

Da un po' di tempo si è fatta largo sul web la notizia riguardante un giovane imprenditore italiano intenzionato a lanciare sul mercato degli smartphone targati Commodore. Attualmente la principale fonte d'informazione è una fan page facebook (strumento utilizzato da molte aziende per dialogare col pubblico) creata per ricevere i primi feedback, impressioni, consigli e quindi comunicare alcune indiscrezioni su quelli che potrebbero essere i prodotti di una possibile Commodore Smartphone (sito in costruzione).



Come ben sapranno i lettori del blog e i frequentatori di siti/forum dedicati al grande mondo C= (passato e presente) una notizia del genere è inevitabilmente destinata a sollevare qualche dubbio, come anche del genuino entusiasmo. A causa di ciò, tale imprenditore, l'ingegnere Massimo Canigiani, ha trovato il tempo di iscriversi in alcuni forum della scena, provando a rispondere a delle domande su questioni piuttosto complesse quali sono quelle relative allo storico marchio della grande C= (travagliatissime vicende legali). Ma soprattutto è arrivata la conferma che tale operazione sarebbe proprio mirata alla commercializzazione di prodotti marchiati Commodore, ciò grazie anche alla collaborazione con l'olandese Taco Van Sambeek  (Al momento non vi sono fonti a conferma dell'esito di possibili accordi, né fonti relative al possesso del marchio C=Commodore che risulterebbe attribuito all'olandese C=Holding B.V.)
Invito i lettori del Blog a prendere questa notizia con la dovuta cautela, almeno finché non giungeranno sostanziose novità, il sito ufficiale e quindi gli eventuali prodotti (previsti per questa primavera).


Si parla anche di una possibile customizzazione commodoriana di Android


mercoledì 24 dicembre 2014

Commodore 64 3D model/render




Forse in un natale di tanti anni fa avrete scartato quello che certamente ricorderete come uno dei regali più belli di sempre, il Commodore 64. Quelli con qualche anno in più degli altri magari ricorderanno proprio l'iconico modello biscottone.  Ebbene in questa vigilia ho deciso di pubblicare i primi render di una ricostruzione 3D piuttosto accurata del mitico Commodore 64, realizzata con il software open source Blender 2.7 (Cycles Render)


- Una versione più leggera del modello (.blend), adatta a tutti e in particolar modo a uso didattico è disponibile gratuitamente sul sito Blend Swap con licenza CC BY NC SA (è richiesta la registrazione free al sito)
a lighter version of this model with all materials is avaiable for free on BlendSwap:



Cliccare l'immagine per ingrandirla / click to enlarge image

Cliccare l'immagine per ingrandire / click to enlarge image

Cliccare l'immagine per ingrandire / click to enlarge image



Cliccare l'immagine per ingrandirla
Cliccare l'immagine per ingrandirla



Stampe (da render ad altissima risoluzione) disponibili su deviantart.com